gen2_front-3quarter-r-l

Next generation Formula E Car breaks cover in Geneva

You’ve seen the teasers, you’ve seen the CGI shots but now, it’s finally time to uncover the future of the ABB FIA Formula E Championship. Welcome, one and all, to the first official pictures and technical specification of the Gen2 car, as the covers come off at the Geneva motor show.

Unveiling the car for the very first time was FIA President Jean Todt, Founder & CEO of Formula E Alejandro Agag, alongside a helping (not-so-human) hand from our title partner ABB’s robot arm.

With a top speed of 280 km/h (174 mph) and the ability to travel double the distance of our current car, the Gen2 car means there’s no need for a mid-race car swap from Season Five onwards. Doubling the range of the car in just four years, shows just how fast the technology in Formula E and the world of electric mobility is developing. “It’s incredible to see the progress made in just four years – to double the range of the car and increase the power output is a fantastic achievement,” said FIA President Jean Todt. “With the support of so many manufacturers, Formula E will continue to push the development of electric vehicle technology, and this car is an important milestone in this journey.”

With the likes of Jaguar, Audi, DS, Mahindra, NIO, Renault and French manufacturer Venturi already competing in the championship, seasons five and six will see BMW, Porsche, Mercedes and Nissan join the ranks as the world’s first all-electric single seater championship continues to grow. With so many manufacturers involved, “Formula E Formula E will continue to push the development of electric vehicle technology,” said Todt.

Aside from the dramatic batmobile-like bodywork, the Gen2 Formula E car will benefit from the new Halo head protection device, which forms part of the chassis. With a nifty strip of LED lighting, fans will be able to follow the strategy of their favourite team or driver – with the lights indicating different power modes and other race-related information. “This is the first time I’ve seen the complete car in the flesh and it’s even more sleek and spectacular up close. If you were to draw a racing car from scratch and base it purely on its looks, you’d come up with just this design,” said Alejandro Agag, Founder and CEO of Formula E. “This model visually differentiates Formula E from any other single-seater in motorsport today. When people see this car they will say it’s Formula E, it’s the future.”

Keeping the car planted on the track is the job of the new Michelin Pilot Sport all-weather tyre, specifically designed for electric street racing. Lighter than its predecessors, they tyre also creates less rolling resistance, helping the cars travel faster for longer. Formula E is a fascinating mission from a technical perspective – it gives us the opportunity to create something completely different to anything else in motorsport, and developing innovative technologies at the forefront of the electric revolution that is happening in the automotive industry is really exciting, said FIA Technical Director, Gilles Simon. “To make some something faster with double the efficiency was a great challenge, and I think it’s going to be very spectacular when it takes to the track in season five.”

TECHNICAL SPECIFICATIONS

Length – 5160 mm
Width – 1770 mm
Height – 1050 mm
Front track – 1553 mm
Rear track – 1505 mm
Ride height – 75 mm (max)
Wheelbase – 3100 mm

Minimum weight (inc. driver)

900 kg (battery – 385 kg)

Maximum power – 250 kW, equivalent to 335 bhp
Race mode (maximum power available) – 200 kW, equivalent to 270 bhp
Maximum power regeneration – 250 kW
The amount of energy that can be delivered to the MGU (the motor) by the RESS (the battery) is limited to 54 kWh. This will be permanently monitored by the FIA.

Maximum speed – 280 km/h (174 mph)

Acceleration – 0-100 km/h (0-62 mph) in 2.8 seconds

Tyres – Bespoke 18-inch MICHELIN Pilot Sport tyres for use in both wet and dry conditions.

Brakes – Brembo package; bespoke carbon discs and pads 278 mm in diameter at the front and 263 mm at the rear, callipers and tandem master cylinder – brake-by-wire at the rear.

formulae_2

«Con la formula E guardiamo al futuro»

Intervista al presidente di EUR SpA Roberto Diacetti.

Presidente facciamo il punto sullo stato dell’arte del E-Prix di Formula E che si svolgerà il 14 aprile sul circuito dell’Eur. Ci risulta che lei sia andato anche ad Hong Kong dove si è recentemente svolta la competizione.
Ad Hong Kong, dove è partito ufficialmente il 2 dicembre scorso il Campionato mondiale di Formula E, ho incontrato il management di FEO, organizzatore dell’evento che stava ultimando l’allestimento del circuito e del village, e diversi stakeholder tra rappresentanti della stampa internazionale e potenziali investitori a cui abbiamo presentato il circuito dell’Eur e soprattutto l’attrattività e la funzionalità del nostro hub congressuale e del quadrante in generale. Già nel 2016 ero stato a Londra: in quell’occasione nel paddock della E-Prix avevo avuto modo di incontrare l’A.d. di Formula E Alejandro Agag, al quale parlando dell’assenza di una tappa italiana, prospettai l’opportunità di realizzare il circuito proprio all’Eur, il volto più internazionale, innovativo e tecnologico di Roma. Allora Roma non era ancora in calendario e si pensava che i costi dell’organizzazione dovessero essere a carico dei promoter. Due anni dopo il problema venne risolto con la formula della produzione totalmente privata. Le ricordo che l’E-Prix di Roma è un evento completamente finanziato dai privati senza l’impiego di risorse pubbliche. EUR SpA è official partner e official venue dell’evento, fornendo per l’appunto supporto logistico attraverso le proprie strutture congressuali, il Roma Convention Center La Nuvola e il Palazzo dei Congressi, che beneficeranno di una vetrina di promozione mondiale che conta 190 milioni di spettatori complessivi. Il Comune di Roma erogherà invece i classici servizi per la gestione della mobilità, l’igiene urbano ecc.

Che impressione ha ricavato dalla gara di Hong Kong?
Un grande evento automobilistico eco-friendly, che proietterà l’Eur nel futuro per un quartiere che urbanisticamente già guardava al futuro quando è nato nel 1938. Con la Formula E affermiamo i valori della sostenibilità e dell’innovazione, anche se la megalopoli cinese presenta caratteristiche diverse. Mi ha particolarmente colpito la grande partecipazione di pubblico, in gran parte giovanile, in un rapporto diretto con i piloti che prima della gara si esibivano con dei simulatori. Tribune gremite pur con prezzi più alti rispetto a quelli di Roma.

Lei ha parlato di biglietti e di costi, a che punto siamo per l’evento del 14 aprile?
In poche settimane la prima fase di vendita dei biglietti – 35 euro per gli adulti e 1 euro per gli spettatori sotto i 16 anni – è andata sold out. Ho sentito Formula E sul punto e mi ha confermato che stanno lavorando per aumentare la capacità di posti disponibili, visto il grandissimo interesse che ha portato già al tutto esaurito. Del resto si sta già pensando di implementare le tribune per le gare del 2019, previste dall’accordo triennale, estendibile a cinque, come pure di vagliare la possibilità di svolgere la competizione oltre che il sabato anche la domenica, come già avviene per alcune tappe.
Dove verrà ospitato lo stato maggiore della gara?
Il cuore dell’evento sarà il Roma Convention Center La Nuvola, un E-village aperto al pubblico e agli appassionati; gli sponsor saranno ospitati presso il museo delle Arti e Tradizioni Popolari, dove sarà allestito l’emotion club, un modo per far conoscere ed apprezzare un importante centro di cultura; il media center e il compound tv saranno invece al Palazzo dei Congressi, dove ci sarà anche la pit stop lane.

Lei ha spesso parlato di eventi collaterali alla gara vera e propria, quali saranno?
Stiamo lavorando ad un’offerta di eventi collaterali nelle settimane del e-Prix. In particolare stiamo collaborando con un importantissimo partner pubblico ad una mostra monografica sull’EUR presso l’Archivio di Stato, per far conoscere gli 80 anni di storia di un quartiere, in pieno sviluppo, che ha saputo mantenere un’identità forte accogliendo nuove sfide. Presso il Laghetto dell’Eur, di cui abbiamo recentemente curato il restyling, riaprendo dopo oltre 50 anni il Giardino delle Cascate e dopo oltre 10 anni ricongiungendo la passeggiata del Giappone attorno allo specchio d’acqua, nella zona dell’acquario verrà realizzato, grazie ad investimenti e organizzatori privati, l’Ecodrive Fest, che durante l’E-Prix per quattro giorni dal 11 al 15 aprile sarà una vetrina, una agora di discussione e un motore di aggregazione sulla mobilità elettrica. Lei capisce che l’obiettivo non è solo quello della gara, ma quello di promuovere l’attenzione sul presente e sullo sviluppo nel prossimo futuro della mobilità elettrica.

Che afflusso di pubblico si prevede?
Come le dicevo i biglietti delle tribune venduti sono 15.000, ma stiamo mettendo a punto con l’organizzatore altri spazi gratuiti da cui sarà possibile vedere la gara con una stima di almeno 30.000 spettatori complessivi.

Oltre al pubblico c’è anche l’affluenza di tutti quelli che gravitano attorno alla gara.
Per darle un esempio, tutte le 500 camere dello Sheraton sono già state prenotate per l’evento Formula E. Il giro di affari stimato è di circa 30/40 milioni, suscettibili di un verosimile aumento nei prossimi anni.

Presidente, passiamo brevemente ad altro. Recentemente ho visto sui quotidiani una vostra proposta al ministro Calenda di alcune centinaia milioni per il riassetto e il rilancio dell’EUR. Ce ne parla?
La nostra era appunto una proposta ad un tavolo ministeriale, fra i tanti istituiti per Roma; così abbiamo voluto lanciare dei segnali per la rivitalizzazione del quartiere dopo l’impegno che abbiamo messo in campo. Tra i nodi ancora da sciogliere c’è certamente quello della mobilità che rappresenta anche una problematica nazionale, non fosse altro perché l’Eur è l’autentico distretto business di Roma, dove c’è bisogno di attrarre grandi aziende e iniziative internazionali. Ma l’Eur è anche l’accesso, la porta di Roma dall’Hub di Fiumicino, che diverrà sempre più importante. Ecco perché riproponiamo l’idea che fu di Rutelli del famoso sottopasso, che impegnerebbe risorse per 150 milioni ma che permetterebbe a Roma di guardare al futuro.

Invece per l’Acquario cosa succederà?
E’ molto semplice, ormai siamo ad una svolta: o si inaugura entro giugno 2018 o revochiamo la concessione, senza ulteriori dilazioni. Il nostro mandato scadrà a giugno ed il mio auspicio è quello di poterlo inaugurare da presidente.

La Nuvola comincia a rendere economicamente?
Intanto le segnalo che l’iniziativa della piccola editoria “Più libri, più liberi”, che si è tenuta lo scorso Dicembre, ha rispettato gli impegni finanziari ed è stata un grande successo di partecipazione, con oltre 100.000 persone che vi hanno preso parte. Per parlare di eventi maxi, ad ottobre avremo poi il congresso mondiale degli avvocati che poterà nella nostra top location del Roma Convention Center La Nuvola e in Città 6.000 persone. Del resto con riguardo a La Nuvola, certamente dedicata ai grandi eventi congressuali internazionali e a quelli corporate, ci preme che abbia un rapporto vissuto con i cittadini, che giustamente devono sentirla come un luogo di Roma. Un’eccellenza di Roma.

Infine due parole sull’hotel Lama.
Ne stiamo formalizzando la vendita proprio in questi giorni con un importante operatore del settore hotellerie, che ha già una duratura esperienza nella gestione di business hotel anche nella Capitale.

Giuliano Longo

formulae_3

Roberto Diacetti: “Il circuito dell’EUR esalterà i piloti!”

ROMA – La Capitale scalda i motori in vista di aprile 2018, quando in città arriverà la Formula E, la gara tra bolidi elettrici nel quartiere Eur. Il quartiere costruito in origine in vista dell’Esposizione del 1942 ospiterà l’ePrix di Roma il prossimo 14 aprile 2018. Con Roberto Diacetti, Presidente di EUR SpA, scopriamo insieme le caratteristiche del tracciato.
Leggi tutta l’intervista al Presidente di Eur Spa Roberto Diacetti su motorsport.com

formulae_1

E-Prix a Roma sul circuito dell’EUR

ROMA – La Capitale scalda i motori in vista di aprile 2018, quando in città arriverà la Formula E, la gara tra bolidi elettrici nel quartiere Eur. Il quartiere costruito in origine in vista dell’Esposizione del 1942 ospiterà l’ePrix di Roma il prossimo 14 aprile 2018. Con Roberto Diacetti, Presidente di EUR SpA, scopriamo insieme le caratteristiche del tracciato.
Leggi tutta l’intervista al Presidente di Eur Spa Roberto Diacetti su motorsport.com

EUR TEL

C.F. e P.IVA 10773061006

Capitale Sociale € 1.924.068 i.v.

Numero R.E.A. - 1254508

Posta Elettronica Certificata

eurtelsrl[at]legalmail[.]it

 

Licenza ISP

n. 228 del 05/09/2001

Licenza Operatore

n. 23526 del 22/05/2013

Data Center RM/A
Viale della Civiltà del Lavoro, 52 - 00144 Roma (RM)

Data Center RM/B
Viale della Pittura, 20 - 00144 Roma (RM)

Sede Legale
Largo Virgilio Testa, 23 - 00144 Roma (RM)
(ingresso Via Ciro il Grande, 16)

Sede Operativa
Viale della Letteratura, 9 - 00144 Roma (RM)
(Palazzo dei Congressi)

Tel. +39 (0)6 5425.1
Fax +39 (0)6 5425.2396

Copyright EUR TEL S.r.l. 2018 © All Rights Reserved

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi